Mai rinnegare i sogni

Credits immagine: ESA

Ieri è stato il giorno del primo astronauta italiano che si è fatto una passeggiata nello spazio, fuori dalla stazione spaziale internazionale. Un’EVA (Extra-Vehicular Activity) si dice in gergo, che è anche il nome di mia figlia. Un caso, ovviamente, ma la cosa mi fa un certo effetto. La notizia mi colpisce perché fin da piccolo volevo fare il pilota, il cielo mi aveva sempre affascinato e il piccolo sogno di fare una passeggiata spaziale, un giorno, mi è sempre rimasto. Chi mi conosce bene sa quando ho detto “voglio fare l’astronauta” (ebbe delle conseguenze). Non ho mai rinnegato quella frase, detta con ironia in un momento in cui dovevo essere “più maturo” forse, per qualcuno. Ma quello ero io, al 100% e, soprattutto, avevo detto la verità.

Da quel giorno ho fatto un sacco di cose dal punto di vista lavorativo e personale: sono diventato un comunicatore che, dopo 15 anni, lavora ancora con passione, ho una splendida famiglia con due splendidi figli, ho scritto un libro, parlo a eventi e conferenze. Mi sono tolto tante soddisfazioni, mi manca forse solo quella legata propriamente al volo, al sogno della mia infanzia. Forse c’è tempo, magari tra 20 anni riuscirò a farmi un volo privato nello spazio pagando l’equivalente di una casa (e chissenefrega dei mattoni, viene un terremoto e sei punto e a capo). Intanto mando un abbraccio simbolico a Luca Parmitano, che quel sogno lo sta realizzando. Lo invidio, sinceramente, semplicemente.

 


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...